venerdì 24 aprile 2009

Le undici qualità della purezza

Condivido con voi oggi questo passo tratto da un discorso di Sai Baba sulle undici qualità della purezza che tutti noi dovremmo avere.

Namasté,
Mistico


---

Per sviluppare la propria forza morale e mentale si deve praticare una disciplina spirituale (sadhana) volta a disciplinare la mente. A questo scopo si devono promuovere undici qualità di purezza (Satva) come elencato qui di seguito:

1) Purezza del luogo: è necessario dotare il luogo in cui si risiede o si studia di un'atmosfera sattvica. Le immagini o gli altri oggetti che si vedono devono riempire la persona di pace e pensieri puri. Gli oggetti che aumentano l'agitazione ed i cattivi pensieri non devono avervi posto. Tale luogo dev'essere pulito e libero da qualsiasi cosa che sia impura.

2) Armonia familiare: nella famiglia in cui vivete dovrebbero esserci mutua comprensione, cooperazione e senso di armonia. Nella famiglia non deve esistere discordia perché questo creerebbe una cattiva atmosfera. Un'atmosfera armoniosa conferirà alla persona vera pace mentale.

3) Cibo sattvico: tutto il cibo dev'essere puro o sattvico. Questo significa che nessuna delle cose che mangiate dev'essere troppo acida, amara o calda. Dovete escludere il cibo aggressivo (rajasico) come il pesce o la carne. Persino il cibo puro non dev'essere assunto in eccesso. Alcuni consumano così tanto cibo sattvico che, nonostante sia puro, esso diventa tamasico (ciò che induce pigrizia e depressione). Allora ci si siede con uno stomaco leggero e ci si alza con lo stomaco pesante.

4) Liquidi puri: anche i liquidi devono essere sattvici. Non si deve bere qualsiasi cosa sia disponibile ma solo acqua pura. Si devono escludere anche le bevande alcoliche.

5) Pensieri e sentimenti sattvici: questi hanno grande importanza. Specialmente gli studenti tendono ad ignorare questo fattore. Solo se i pensieri ed i sentimenti sono puri si può ottenere pieno beneficio da una stanza pulita, da una buona famiglia e da un Dio puro.

6) Visione pura: se si vogliono sviluppare pensieri e sentimenti puri anche tutto ciò che si vede dev'essere puro. Tutta la Creazione (Shishti) si basa sulla visione (drishti). È solo quando si ha una visione sbagliata che si hanno cattivi pensieri. Si devono guardare le donne più anziane come se fossero la propria madre e quelle più giovani come se fossero le proprie sorelle. Quando si è pieni di pensieri così puri si devono avere buoni sentimenti. Dato che siete studenti queste cose vi devono essere dette! Immaginate quanto vi sentireste offesi se qualcuno guardasse vostra madre e le vostre sorelle con occhi pieni di malizia. Comprendendo questo, dovete avere buoni sentimenti nei riguardi delle altre donne. Non dovete commettere le offese che non tollerate negli altri.

7) Studio sattvico: qualsiasi libro leggiate e qualsiasi cosa scriviate devono esseri puri. Questa è la pratica spirituale (sadhana) relativa allo studio. Se leggete o scrivete qualcosa di non puro questo vi deformerà la mente. Un buon libro forma una buona mente. Qualsiasi libro di fisica, chimica o altre materie che vi mettiate a studiare non avrà alcun effetto sul vostro carattere, ma i romanzi di cattiva qualità lo influenzeranno. Se vi viene prescritto di studiare libri non appropriati trattateli come meri libri di testo senza attribuire loro alcun valore come guide per la vita.

8) Servizio sattvico: a proposito del servizio, dovete decidere quale servizio è sattvico e quale è rajasico. Si va a pulire le strade, a costruire strade nei villaggi o a scavare pozzi e si fa tutto come servizio alla comunità ma il servizio reso deve conferire vera felicità alla gente. In nome del 'volontariato sociale' se uno va all'ospedale e prende contatto con un paziente in modo scortese non sta facendo vero servizio. Dovete considerare qualsiasi persona vogliate servire come un'incarnazione dell'Amore Divino. Quando andate ad aiutare le persone bisognose ed abbandonate dovete considerarle incarnazioni della Divinità. Quando andate ad aiutarle, consideratele divine. Narayana ha due forme: una è Lakshmi-Narayana (piena di ricchezze, può aiutare tanta gente e riesce ad attirare molti a servirLa) e l'altra è Daridra-Narayana (Dio della Povertà), che nessuno serve. Queste sono le persone a cui dobbiamo fare un servizio sattvico.

9) Sadhana: è la disciplina spirituale e dev'essere sattvica. Alcuni fanno Hatha Yoga, altri sviluppano l'energia Kundalini ed alcuni invocano gli spiriti maligni per danneggiare gli altri. Tutte queste non sono affatto sadhana (discipline spirituali)! L'individuo è Chit (Coscienza) e Dio è l'Eterno Assoluto (Sat). Quano Sat e Chit si combinano si ha Ananda. Questo è il significato di Sat-Chit-Ananda: Beatitudine Divina. Solo la disciplina spirituale intrapresa per realizzare Sat-Chit-Ananda è vera sadhana! Dov'è questo Sat? Sat (il Divino) è in tutti perciò dovete essere preparati a servire tutti e a considerare tutti divini. Potete avere relazioni normali con i vostri parenti ed amici e non c'è niente di sbagliato in questo ma dovete praticare la vostra sadhana nello spirito che l'Uno pervade i molti. In questo processo dovete coltivare il sentimento dell'Amore. Non esiste sadhana più alta della coltivazione dell'Amore.

10) Un Buon Lavoro: per quanto riguarda la vostra occupazione o professione, quale genere di lavoro dovete svolgere? Deve trattarsi di un lavoro che apporti beneficio al Paese, alla comunità. La nazione vi rende possibile guadagnarvi di che vivere perciò dovete vedere che cose potete darle indietro. Dovete chiedervi: "Quale servizio posso fare per la comunità, quale aiuto posso darle?". Dovete accertarvi che nel lavoro che fate non ci siano menzogna, disonestà, frode o motivi malvagi. Queste sono le cose pure che dovete osservare nella vita. Se vi impegnate nella giusta azione non sarete legate dalle conseguenze del karma. È a causa del vostro karma passato che avete questa vita. Con il vostro karma attuale potete assicurarvi la libertà dalla rinascita. Attraverso l'Amore sviluppate la fede; attraverso la fede, l'onestà; attraverso la fede e l'onestà acquisite la conoscenza; attraverso la conoscenza sviluppate la sadhana ed attraverso la sadhana acquisite la meta. Quindi: per praticare la sadhana avete bisogno della Saggezza e per acquisire la Saggezza avete bisogno di onestà e fede (sraddha). Per avere sraddha dovete coltivare l'Amore, quindi l'Amore è il mezzo e per questo dovete acquisire il controllo dei sensi. Se riducete gradualmente i vostri desideri riuscirete a mettere i sensi sotto il vostro controllo. Diverse branche della conoscenza sono come fiumi ma la Conoscenza Spirituale è l'oceano! Come tutti i fiumi si uniscono all'oceano, tutti i tipi di conoscenza si uniscono nella Conoscenza Spirituale.

11) Satsang: le compagnie devono essere buone. Dovete pensare a chi frequentare. Kabir disse: "Io saluto sia i cattivi che i buoni." Gli venne chiesto: "Ben comprendiamo che tu saluti i buoni ma perché anche i cattivi?" Egli rispose: "Quando saluto i cattivi sto dicendo loro 'per favore, levatevi dalla mia presenza' mentre ai buoni sto dicendo 'per favore, venite da me'. Evitate dunque la compagnia dei cattivi e coltivate quella dei buoni. Associarsi coi buoni è puro yoga. Io desidero che perseguiate questo tipo di yoga e che conferiate felicità a tutta la gente che frequentate. Inoltre dovete sforzarvi di liberarvi di tutti i pensieri cattivi, rinunciare a tutti i vostri aspetti negativi, compiere i vostri doveri verso i genitori, rendere servizio disinteressato alla comunità e tramite questo redimere le vostre vite e guadagnarvi la Grazia di Dio. Questa è la Mia benedizione per tutti voi."

[Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, Discorso Divino del 19 Dicembre 1985]

1 commento:

  1. faremo del nostro meglio per seguire i consigli e metterli in pratica........ baci

    RispondiElimina